Qual è il più bel villaggio della Svizzera? 

 

Ci risiamo: ancora una volta cerchiamo il Villaggio svizzero dell’anno. Nel 2024 eleggiamo il comune più bello. 
 
«Abbiamo ottenuto un riscontro molto positivo», ci confida Urs Hirschi, sindaco del comune di Zäziwil. Lo scorso autunno, le lettrici e i lettori di «Schweizer Illustrierte» hanno eletto il paesino dell’Altopiano bernese «Villaggio svizzero del 2023». A determinare la vittoria è stata la sua festa cittadina, la Brächete, nota in tutto il Paese. Urs Hirschi afferma compiaciuto: «Anche in altre parti della Svizzera mi hanno fatto i complimenti per il riconoscimento ricevuto. La Brächete dello scorso anno ha visto la partecipazione di ancor più visitatrici e visitatori del solito».
 
Quest’anno è il decimo anniversario del nostro concorso nazionale. Stiamo cercando il più bel villaggio della Svizzera! La località può essere in una posizione suggestiva, avere una pittoresca piazza cittadina o presentare un’architettura degna di nota. 
 
Registratevi ora 
Fateci pervenire la vostra proposta entro il 26 maggio, includendo il nome del comune (massimo 10’000 abitanti) e una breve descrizione del vostro villaggio.


Una prestigiosa giuria di esperte ed esperti selezionerà sei villaggi in tutta la Svizzera. I periodici «Schweizer Illustrierte», «L’illustré» e «La Domenica» dedicheranno degli articoli a questi comuni sulla loro edizione cartacea e online. A giugno e luglio toccherà di nuovo alle nostre lettrici e ai nostri lettori: saranno loro a eleggere il «Villaggio svizzero del 2024». Non vediamo l’ora di ricevere tante belle candidature!

 







Nostra giuria


La nostra giuria è composta da cinque membri, che rappresentano la Svizzera in tutte le sue sfaccettature. Mettendo in campo le proprie competenze, esperienze e diversi contesti socio-culturali, la giuria ha esaminato tutte le proposte inviate dai lettori e dalle lettrici di «Schweizer Illustrierte», «L’illustré» e «La Domenica», nominando sei finalisti.

 







Gli sponsor principali




Partner media